Vai al contenuto

Oltre la Paura, di ritorno al Sé.

Esiste un errore di fondo nel definire e riconoscere la paura. Da un lato abbiamo la paura reale, ossia quella che si crea nel qui e ora in determinate condizioni che creano una reale minaccia all’incolumità. Dall’altro lato abbiamo le paure illusorie, frutto di costruzioni mentali, di preoccupazioni che si proiettano nel futuro e non hanno vera identità.

L’effetto di queste false paure è quello di allontanare dalla propria essenza, dal proprio sentire, in pratica porta a tradire sé stessi, e a vivere lontani dal Cuore, ossa il proprio vero Essere. Così se si continua ad ascoltare questo tipo di paure, non ci si riconoscerà più, allontanandosi da sé stessi, accettando sempre più compromessi, sottomettendosi a qualcosa o qualcuno in nome di una tranquillità fittizia ed irreale.

La mente produce due tipi di emozioni fondamentali, una che è appunto la paura ed è legata al dolore, e l’altra è l’amore condizionato, legato al piacere. Tale tipo di amore persiste solo se le condizioni che lo genera permangono, quindi è anch’esso, di per sé, illusorio. Tale tipo di amore è anche ed inevitabilmente legato alla paura, per il timore del venir meno delle condizioni che lo hanno creato.

L’amore incondizionato, invece, si genera nel Cuore, è un’emozione di tipo superiore e non prevede alcun tipo di paura, perché si è completamente nel qui e ora, nella fiducia, nel fluire della vita, accogliendo ogni situazione esterna come parte integrante di sé.

Se la paura prevale, l’amore puro scompare, cadendo in una sorta di sonno illusorio, di incoscienza, seguendo continui automatismi e schemi mentali che privano della libertà di essere sé stessi, tenendo lontano dalla vita stessa e dal qui e ora.

Nella pratica della meditazione si ha l’opportunità di lavorare per rimuovere queste paure illusorie, e lo si fa semplicemente applicando il punto di osservazione del testimone al sorgere ed al palesarsi di esse, riconoscendole come semplici schemi, meccanismi, ripetizioni. Attraverso questa osservazione si interrompe quella catena di pensieri paure autoriproducenti e a ritornare a pensieri più elevati ed amorevoli.

“Tu sei un Essere di Luce” S. Petrucci

La cura del Cuore può rimuovere ogni paura e spazzar via ogni pensiero limitante. Vivere la meditazione dal Cuore risana ogni paura. E quando ci si trova di fronte ad un paura così grande, o a delle preoccupazioni che minano anche le nostre radici, è opportuno offrire al Cielo, ai Maestri, al Maestro, tutto questo, affinché possano, per noi, occuparsene fino a sconfiggere tali afflizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *