Vai al contenuto

Saggezza, il setaccio della Verità

Dagli insegnamenti del Buddha

“Come la rupe massiccia non si scuote per il vento, così pure non vacillano i saggi in mezzo a biasimi e lodi.”

“Una persona saggia dovrebbe essere sincera, senza arroganza, senza inganni, senza maldicenza e senza rancori.

La persona saggia dovrebbe andare oltre la malvagità dell’avidità e dell’avarizia.

Non accontentarti del vecchio, non eccitarti per il nuovo.

Non addolorarti per ciò che hai perso e non farti controllare dal desiderio.”

Dagli insegnamenti di Lao Tse

“Comprendere gli esseri umani è intelligenza, comprendere se stessi è saggezza.”

“La via del saggio è agire, ma non competere.”

Dal filosofo greco Epitteto

“Accusare gli altri delle proprie disgrazie è conseguenza della nostra ignoranza; accusare se stessi significa cominciare a capire; non accusare né sé, né gli altri, questa è vera saggezza.”

Dallo scrittore Jack London

“Era la saggezza imperiosa dell’eternità che irrideva alla futilità della vita e agli umani sforzi.”

Da “Affermazioni per l’autoguarigione” di Swami Kriyananda

La vera saggezza umana significa riconoscere finalmente la via che ci conduce fuori dall’illusione, verso la luce della Verità.

Commento

Possiamo semplicemente affermare che Saggezza è riconoscere la Verità. Per quanto possa sembrare ovvio, questo riconoscimento è il compiersi del percorso che da tempo immemore ogni anima sta compiendo per realizzare sé stessa nel Divino. Così la Saggezza è il separare il grano dalla pula, riconoscere il Vero dal falso. Significa essere consapevoli di ciò che ci nutre e ci eleva, da ciò che ci depriva e ci affossa. Significa, in termini spirituali, riconoscere ciò che ci avvicina al Divino da ciò che ci allontana da Egli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *