Vai al contenuto

Umiltà, nulla mi appartiene

“Vivo col Tuo potere, o Signore. Ciò che ho è sempre Tuo. È sempre Tuo.”

“L’umiltà è dimenticare se stessi. È essere consapevoli che solo Dio è l’Autore di tutto”. Da “Affermazione per l’autoguarigione” di Swami Kriyananda.

“Come Gesù ci ha insegnato, lìuomo più grande è quello che si considera il più piccolo. Una vera guida è colui che in primo luogo ha imparay ad obbedire, che sente di essere il servitore di tutti e che non si pone mai sul piedistallo. Coloro che desiderano essere adulati non meritano la nostra ammirazione; ma colui che ci serve ha diritto al nostro amore. Non è Dio il servitore dei suoi figli? E pretende forse di essere lodato? No, Egli è troppo grande per questo.”

“L’umiltà nasce dalla consapevolezza che Dio è l’artefice, non tu. Quando comprenderai questa verità come potrai essere orgoglioso di qualsiasi risultato raggiunto? Pensa costantemente che qualunque lavoro tu stia svolgendo è il Signore a compierlo per mezzo tuo.”

“L’umiltà è la manifestazione di un cuore comprensivo e costituisce un esempio di grandezza che gli altri vorranno seguire. “

“Le pioggie della misericordia divina non possono raccogliersi sule vette rocciose dell’orgoglio, ma scorrono liberamente nelle vali dell’umiltà.”

“Concedimi il più alto degli onori: il posto più umile nel tuo cuore, da cui poter contemplare la creazione delle più nobili visioni della vita. “ Dagli insegnamenti di Paramahansa Yogananda

Commento:

Lascio che attraverso di me, il canale che posso rappresentare, si manifesti la Volontà Superiore, che ogni azione da Lui compiuta e voluta venga, attraverso me, resa materiale e manifestata in questo piano di esistenza. Nulla ci appartiene. Se non la consapevolezza di essere già e da sempre parte di questa Volontà. Non qualcosa di superiore o di distaccato, ma una Realtà già presente in me che si manifesta nella sua Perfezione, per creare una realtà sempre più adatta affinché l’essere umano possa rendersi divino. In questo risiede il valore dell’umiltà, nel percepire il Divino come l’unica Realtà, da cui tutto proviene e a cui tutto ritorna, che sostiene, serve, protegge ogni sua creatura in modo che possa presto tornare alla Casa del Padre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *